giovedì 29 maggio 2008

La credibilità del camminare

Stanotte occhietti aperti da mezzanotte e mezzo alle tre. Male al pancino.

Si addormenta, poi però si risveglia subito e si contrare dal dolore. Forse sono i pomodori, che è l'unico variabile-cibo che al momento parrebbe correlata (scartati i pisellini) al fenomeno.

Mio figlio mi insegna molto. Mi ha insegnato per esempio che per farlo addormentare non importa camminare piano-piano-piano, anzi, si deve camminare naturalmente, proprio come se si stesse facendo altro (e se si fa altro è pure meglio). Più la camminata è credibile e meglio si addormenta. C'era scritto paro-paro nel libro di Esther Weber. Tanto di cappello.

mercoledì 28 maggio 2008

La donnina

Ieri sera siamo venuti a Lucca. Samu stanotte è stato tranquillissimo, il "cambio di aria" non ha avuto gli effetti paventati dalla nonna.
Stamattina la pediatra. La donnina è in gamba ma per me è anche eccessivamente conservatrice: niente piscina, sì al ciuccio, ok ai vaccini non richiesti.
Si vede che è una che ci capisce ma io sto un po' più dal versante della naturalità: la natura non ha inventato il ciuccio, lo ha inventato l'industria, allora per me affanculo il ciuccio, te capì?

Potrebbe essere buono però perché il fatto che ci sia una che si oppone al mio modo di vedere le cose magari finisce per ingenerare dinamiche virtuose.
Però se Paola è del tutto schierata con lei finisce che diventano 2 contro 1 e allora son casini...

Alessio dice che tutti i pediatri sono conservatori.

lunedì 26 maggio 2008

Il senso di proprietà

Paola mi dice che oggi a Boccadasse (la bellissima zona di Genova che ha ispirato Gino Paoli per "la gatta") una signora -io ero a Sampierdarena al "telelavoro"- si è presa Samuele in braccio. Una signora mai vista!!!!
A me queste cose mi fanno incazzare, sarà che ogni volta mi pongo di fronte alla gente pensando a ciò che farei/non farei io, ma queste cose mi imbestialiscono. Come cazzo ti viene in mente a te, stronza mai conosciuta, di allungare le braccia e prendere con te un bimbo altrui! Vaffanculo!!! Possibile che ci sia gente che non riesce a essere discreta?!

Ebbene sì ho un senso di proprietà che se debbo definirlo meglio chiamerei senso di appartenenza. Siamo una famiglia (anche se la chiesa esploderebbe a sentire una cosa del genere, visti i matrimoni precedenti e l'assenza di una regolarizzazione attuale) e lo siamo perché condividiamo un odore comune.

Ferinità precorticale, ecco cos'è.

Si cresce...

Oggi è "partito" il cordone ombelicale, o meglio il moncone. Si cresce...
Esiste una vecchia scuola -così raccontano- secondo cui va disinfettato prima e dopo la rottura con alcol, o meglio ancora acqua ossigenata, e mercurocromo. Una scuola di pensiero contemporaneo dice invece solo di "asciugare" con garza sterile. Altri ancora, post moderni, perorano la causa dello zucchero salicilico.
Insomma c'è da sbizzarrirsi, noi abbiamo fatto un misto, di tutto un po', seguendo le indicazioni di pediatri "contemporanei" e infermieri di famiglia.

venerdì 23 maggio 2008

Tettologi di professione

Spulciando e seguendo le indicazioni di vari soggetti (a volte sospetti) si arriva ad allattare.net, dove si dice che esistono consulenti professionali in allattamento materno. Loro, se li interroghi, sanno dirti esattamente cosa mangiare.

Consulenti professionali in allattamento materno... Bah... a me sembra un po' una minchiata, non vorrei finire a dover pisciare sotto le indicazioni di un direzionologo ayurvedico di minzione.

giovedì 22 maggio 2008

I pisellini

Pare che i pisellini non possano essere mangiati dalla mamma che allatta. Qualcuno ha un elenco di cibi vietati?

mercoledì 21 maggio 2008

E' nato, è nato, è nato

Alle 11:20 di giovedì 15 maggio 2008 è nato il nostro Samuele Yannick.
E' nato a Genova, all'ospedale San Martino, in una camerina del Centro Nascita Alternativo.

E' arrivato con un anticipo di 15 giorni ma pesava già 3 Kili e 480...

Cari padri in divenire, dimenticatevi il parto e concentratevi sul travaglio. Quello è stato duro, molto, moltissimo. Però la scelta di un parto naturale credo che si sia rivelata giusta: il bambino non ha avuto sofferenze, non si sono verificate lacerazioni.

E' difficile da far capire ma soffrire ha un significato. Così come poter dormire subito (la mamma) assieme al proprio bimbo già la prima notte. Al CNA sono straordinari, mai trovata tanta professionalità.

Il bello è anche che la mamma (Paola), appena presa un minimo di confidenza col bambino, è come se avesse rivelato la storia della Terra in sè. Ha una sapienza innata, straordinaria, ed è un privilegio starle accanto e vedere che SA esattamente cosa fare (e come farlo) con il bambino.

Dopo 2 giorni siamo andati a casa, quella di Genova, e Samu era già pronto per affrontare il mondo.

Io ho dovuto rientrare al lavoro e sono lontano, mi mancano, mi mancano moltissimo. Fra pochi giorni li riabbraccerò, fremo.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...